Dieta mima digiuno: di cosa si tratta?

 Dieta mima digiuno: di cosa si tratta?

L’ultima frontiera in fatto di dieta è la Dieta mima digiuno. Non ne avete mai sentito parlare? In questo articolo ti spieghiamo cos’è, come funziona e cosa bisogna mangiare e cosa invece togliere!

La dieta mima digiuno è stata elaborata dal professor Valter Longo, direttore del dipartimento di gerontologia dell’Università della California. Il suddetto ricercatore italo-americano ha sviluppato un sistema nutrizionale, da rispettare per pochi giorni all’anno, che potrebbe garantire un qualche beneficio in termini di aumento dell’aspettativa di vita e miglioramento dello stato di salute generale. che ha dedicato la sua intera carriera alla sperimentazione delle terapie anti-invecchiamento.

L’obiettivo della dieta mima digiuno è proprio questo: permettere alle cellule di rigenerarsi e proteggere l’organismo dall’obesità e dalle altre malattie croniche legate all’invecchiamento, come il morbo di Alzheimer.

Più che una dieta, sarebbe quindi un regime alimentare, uno stile di vita volto a migliorare le proprie condizioni di salute. Al momento però va detto che questo regime alimentare non trova sufficienti conferme scientifiche.

Il dottor Longo nella sua ricerca si è concentrato sulla correlazione tra alimentazione e incremento dell’aspettativa di vita. Gli studi hanno confermato come un’alimentazione prevalentemente a base di pesce, verdura, frutta, cereali e semi oleosi contribuiscono al benessere psicofisico dando energia e vitalità all’organismo.

Cinque giorni di dieta a base di verdure e ortaggi, escludendo gli zuccheri e limitando le proteine. È la dieta mima digiuno del professor Valter Longo che, non solo aiuta a ridurre il peso, ma apporta molti benefici all’organismo.

Scopo della dieta mima digiuno:

Adottare periodicamente questo regime alimentare aiuterebbe a disintossicare il corpo annullando gli effetti negativi dell’ormone della crescita presente in eccesso.

Sembra che digiunando per brevi periodi, invece di soffrire, il corpo diventi più forte eliminando le principali fonti di malattia e di tossine.

Lo scopo è quindi mirato a garantire longevità piuttosto che il dimagrimento.

La dieta mima digiuno nel dettaglio:

La dieta presa in questione deve essere seguita per un periodo non superiore ai 5 giorni, nei quali l’introito energetico scende progressivamente dal giorno 1 (1.000kcal) al giorno 5 (750 kcal).

Ti potrebbe interessare:  Le erbe dimagranti e depurative

Gli alimenti sono esclusivamente di origine vegetale e apportano principalmente carboidrati e pochi grassi insaturi.

Citando la fonte ufficiale del sistema:

“Lo schema calorico prevede che il primo giorno si assumano circa 1000 kcal divise tra 34% di carboidrati, 56% di grassi e 10% di proteine.

Nei 4 giorni successivi si scende a 750 kcal, divise tra 47% di carboidrati, 44% di grassi e 9% di proteine.

Un esempio super semplificato del regime da mantenere nei 4 giorni a 750 kcal potrebbe essere: 400 g di zucchine, 300 g di cappuccio rosso, 300 g di carota, 250 g di cipolla, 20g di olio extra vergine d’oliva e 20 g di noci.”

dieta-mima-digiuno-cibi

Esempio della dieta mima digiuno:

Prima di vedere un esempio di menù per la dieta mima digiuno, è fondamentale riportare un’osservazione di Valter Longo. Piuttosto che un controllo ossessivo delle calorie, sottolinea il dottore, meglio concentrarsi sul numero dei pasti che dovrebbe essere ridotto a 2 al giorno.

Giorno 1: esempio di menù

Colazione

Tè verde e una barretta ai cereali senza zucchero

Snack

Una manciata di noci mescolate all’uvetta

Cena

150 grammi di cereali integrali e 300 grammi di legumi cotti

Giorno 2 – 5: esempio di menù

Colazione

Nocciole, uvetta e tè verde

Snack

Una barretta ai cereali senza zucchero

Cena

100 grammi di pesce accompagnati da un’insalata condita con olio extravergine oppure verdure a piacere cotte al forno e servite con un piatto di fagioli stufati.

Se siete interessati invece ad una dieta detox meno drastica vi consiglio di provare questo schema alimentare!

Astrid Oriani

Ciao sono Astrid, Appassionata di cucina e di blogging. Ho iniziato scrivendo per il mio blog personale di cucina, poi mi sono appassionata alla scrittura ed ho intrapreso collaborazioni con molti siti web del settore.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *