Herpes Zoster: cos’è e come si cura

 Herpes Zoster: cos’è e come si cura

Altrimenti detto fuoco di Sant’Antonio, l’Herpes Zoster è un’infezione provocata dal virus VZV. La malattia colpisce i nervi che si trovano sotto la pelle. Il virus che la causa è il medesimo della varicella.

Fondamentale è ricordare che non tutti i soggetti che contraggono la varicella sono a rischio per quanto riguarda l’Herpes Zoster. La malattia in questione è contagiosa e colpisce soprattutto gli adulti di età superiore ai 50 anni.

In generale, sono più propense a prendere il virus le persone con un sistema immunitario con problemi. Un esempio che viene spesso chiamato in causa riguarda i soggetti affetti da HIV.

herpes

herpes Zoster: sintomi

Quando si parla di Herpes Zoster sintomi, la prima manifestazione da ricordare è il dolore. Esso può comparire ben prima che si palesino segni sulla pelle. Le vesciche, in linea di massima, fanno la loro comparsa tra un giorno e due settimane dopo le prime manifestazioni di dolore.

Gli altri sintomi dell’Herpes Zoster comprendono l’insorgenza di pruriti e pizzicori. Da ribadire è anche la presenza, tra i segnali del virus, di dolore focale di febbre. Chi contrae la patologia si accorge della situazione anche per via del mal di testa e di un generale malessere.

Il sintomo primario, però, sono le vesciche sulla pelle. Inizialmente le eruzioni cutanee sono di piccole dimensioni. Man mano che passa il tempo, però, la situazione cambia e le vesciche crescono unendosi tra di loro come a formare delle grandi bolle.

Il passo successivo prevede la formazione di croste. Questo quadro costituisce la fase finale della malattia.

Da specificare è che, nei casi in cui il virus colpisce la zona della testa, possono essere coinvolti anche vista e udito.

Nei frangenti in cui, invece, compare a livello del nervo mandibolare, i pazienti possono lamentare lesioni alla bocca. In casi molto rari, si può parlare di vere e proprie alterazioni del senso del gusto.

Come avviene il contagio?

Il contagio avviene nella fase eruttiva, ossia quando le vesciche si trasformano in bolle. Fondamentale è ricordare che il soggetto ammalato di Herpes Zoster può causare la trasmissione della varicella.

Per ovviare a questo rischio, il principale punto di riferimento è il vaccino. Da specificare è che le persone affette dal virus non possono trasmetterlo tramite colpi di tosse o respiri.

Cause e rimedi

herpes rimedi

Quali sono le cause dell’Herpes Zoster? Prima di entrare nel vivo della situazione, ricordiamo che il virus che causa questa patologia è il medesimo della varicella. In alcuni casi non viene eliminato dall’organismo e rimane nel corpo in stato latente. Se sussistono specifiche condizioni fisiche, riprende la sua attività coinvolgendo i gangli nervosi.

Come già specificato, non è automatico che chi ha sofferto di varicella contragga l’Herpes Zoster. Ribadiamo anche che il virus fa la sua ricomparsa intaccando i gangli nervosi se la persona, di base, ha un sistema immunitario con dei deficit.

I problemi da questo punto di vista possono essere legati a un’altra malattia come l’HIV, ma anche alla somministrazione di alcuni farmaci. In primo piano, quando si parla di cause Herpes Zoster, troviamo i corticosteroidi.

Quali terapie scegliere?

Quando si parla di terapie contro l’Herpes Zoster, uno dei principali riferimenti è il trattamento topico. Cosa prevede? Di bagnare la zona interessata dal problema con la soluzione di Burow, a base di acetato di alluminio. La suddetta deve essere diluita fino a 1:40.

A cosa serve di preciso? A rimuovere le croste dalle vescicole. Ricorrendo a questo trattamento, si riesce anche a lenire l’essudazione. L’applicazione viene eseguita tramite delle garze, che devono essere messe sull’area interessata evitando di stringere troppo.

Questa medicazione va cambiata ogni tre giorni circa. Ovviamente le terapie contro l’Herpes Zoster comprendono anche alcuni rimedi naturali. Quali sono le opzioni specifiche? In primo piano troviamo l’olio di iperico, un eccellente cicatrizzante naturale.

La proprietà in questione è legata all’ipericina, il principio attivo che consente di apprezzare una notevole rigenerazione dei tessuti.

Anche l‘olio di melissa può rivelarsi molto efficace contro l’Herpes Zoster. Per ottenere effetti benefici, bisognerebbe mantenersi su una dose minima di 0,5 mg. Nell’elenco delle soluzioni naturali contro questa patologia bisogna comprendere anche l’agopuntura e l’olio essenziale di naiouli.

Herpes Zoster: come funziona il vaccino?

Da diverso tempo si parla di un vaccino contro l’Herpes Zoster. Attualmente l’unica soluzione nota al proposito è un farmaco conosciuto come Zostavax. Indicato per i soggetti di età uguale o superiore ai 50 anni, è gratuito in quanto compreso nel piano vaccinale 2017 – 2019.

Nello specifico, si tratta di un vaccino vivo attenuato che rafforza l’immunità naturale. La sua efficacia è stata dimostrata sulla base di studi che hanno coinvolto circa 60.000 pazienti.


APPROFONDIMENTI UTILI

Esistono degli strumenti che consentono di agire sui sintomi provocati dall’herpes, come il prurito, la sensibilità e il bruciore. Tra i tanti prodotti trovati in rete,  Herpotherm-dispositivo medico contro l’herpes è uno dei migliori.

Herpotherm, agisce sui sintomi dell’herpes labiale attraverso il calore ed è privo di sostanze chimiche. Prodotto testato dermatologicamente, è pratico e lo si può portare sempre con se. 

La superficie in ceramica di Herpotherm raggiunge in pochi secondi una temperatura di 51°C. Se utilizzato in modo tempestivo, può prevenire la formazione delle vescicole dell’herpes alle labbra, riducendo più velocemente i sintomi se questi si sono già manifestati.

 

Post consigliati

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *