Cosa mangiare a colazione per dimagrire?

La colazione è il pasto più importante della giornata. Quando si decide di intraprendere una dieta, è essenziale non saltarla mai. Il rischio, infatti, è quello di prendere più peso. Fondamentale è anzi chiedersi cosa mangiare a colazione per dimagrire.

Se stai cercando informazioni in merito, seguici nelle prossime righe. Abbiamo creato una guida con qualche consiglio sul tema.

L’importanza della colazione mattutina

Si sente spesso ricordare che quello che mangiamo a colazione la mattina viene smaltito nel corso della giornata. Questo è vero. Essenziale è però ricordare che il modo in cui si “dà la sveglia” allo stomaco influisce profondamente su come lavorerà nel corso della giornata.

La prima cosa a cui fare riferimento sono le calorie. In linea di massima, si consiglia di assumere a colazione non più di 300/400 calorie. Per quel che concerne i principi nutritivi, fondamentale è specificare che metà dell’apporto energetico deve arrivare dai carboidrati.

Bisogna poi aggiungere le proteine, in una quantità compresa tra i 15 e i 20 grammi. Le proteine a colazione sono fondamentali quando si tratta di capire cosa mangiare a colazione per dimagrire. Assumerle, infatti, consente di prevenire i picchi glicemici e di tenere sotto controllo la fame nel corso della mattinata.

Cosa mangiare a colazione per dimagrire

Cosa mangiare a colazione per dimagrire

Da non dimenticare è anche il ruolo dei grassi buoni, che devono essere insaturi e, se possibile, non superare i 20 grammi.

Come rendere la colazione un momento davvero sano

La colazione deve essere un momento speciale, da prendere per sé e da dedicare al relax fisico e mentale. Per ottimizzarne i benefici, è possibile mettere in atto alcuni semplici consigli per depurarsi.

Uno dei più importanti consiste nel bere, prima di colazione, un paio di bicchieri d’acqua con dello zenzero, volendo anche delle tisane depurative, essenziali per il benessere dell’apparato gastrointestinale.

Un altro consiglio per rendere la colazione un momento davvero amico della perdita di peso riguarda la scelta dei carboidrati. A tal proposito è bene ricordare che bisogna concentrarsi su quelli complessi, caratterizzati da un basso contenuto di zuccheri.

Da evitare sono i muesli, il farro e il riso. I cereali in generale hanno un alto indice glicemico e favoriscono l’aumento di peso.

Per quel che concerne la parte proteica, il consiglio è quello di concentarsi sull’assunzione di yogurt, possibilmente greco. Per quale motivo? Perché è più ricco di proteine. Rappresenta inoltre una valida soluzione per il primo pasto della giornata degli intolleranti al lattosio.

Cosa scegliere, invece, per quel che concerne i grassi insaturi? Il principale riferimento in questo caso sono le noci. Mangiarne 2/3 è sufficiente.

I suggerimenti per chi vuole sapere cosa mangiare a colazione per dimagrire non finiscono certo qui! Bisogna infatti ricordare che, per una colazione davvero completa, può essere opportuno aggiungere un frutto.

Va benissimo anche la spremuta ma, in generale, la frutta è meglio. Per quale motivo? Perché il fatto di masticare dà maggior sazietà. Se proprio non si riesce a fare a meno di berla, è fondamentale non zuccherarla, almeno non con lo zucchero bianco.

La soluzione migliore in questi casi è un dolcificante naturale come la stevia. Da evitare in generale sono le brioches, le creme e le marmellate. Se non si riesce a fare a meno di dolcificare il latte – meglio utilizzare quello scremato – va bene un cucchiaino di miele ma non di più.

Per concludere ribadiamo che non bisogna dare ascolto alle dicerie che dicono che si possa saltare la colazione se al risveglio si tende all’inappetenza. Anche in questo caso le soluzioni ci sono. Qualche esempio? Alzarsi anche solo quindici minuti prima. Un consiglio per i più giovani consiste nel portarsi le pietanze a scuola.

Non c’è che dire: di soluzioni per chi vuole sapere cosa mangiare a colazione per dimagrire ce ne sono tantissime! Per ottimizzare gli effetti di una buona colazione conta anche l’orario. Quando bisognerebbe consumare il primo pasto della giornata? L’ideale sarebbe tra i 30 e i 60 minuti dopo il risveglio.

Se non si riesce a mangiare nulla subito, si può dividere il pasto e dilazionarlo nell’ora e mezza successiva. L’accorgimento appena ricordato riguarda in particolare coloro i quali si allenano al mattino e non vogliono appensatirsi troppo.

In casi del genere, il consiglio migliore è di tenere per ultima la parte proteica.

Leave a Reply