Dieta del riso: depurare l’organismo in semplici mosse

 Dieta del riso: depurare l’organismo in semplici mosse

Ispirata al modello alimentare orientale, la dieta del riso, permette di depurare l’organismo, di sgonfiare il ventre e di dimagrirsi facilmente ed efficacemente in poco tempo.

dieta-riso

In cosa consiste la dieta del riso:

Questa tipologia di dieta è composta prevalentemente da diverse tipologie di riso.

Le più utilizzate sono: riso venere, riso basmati, riso rosso, riso integrale e il riso selvaggio.

In abbinamento al riso alimenti concessi sono: frutta fresca, verdura, cereali integrali (meglio senza glutine come la quinoa, il miglio ecc), legumi secchi o freschi, meglio evitare quelli in barattolo, formaggi sono ammessi solo se freschi e magri ed infine pesce azzurro e poca carne bianca.

Sono da escludere: sale, burro, margarine, cibi grassi, alcolici e zuccheri raffinati.

Il programma si suddivide in tre fasi, rispettivamente caratterizzate da un apporto calorico crescente: nella fase 1 800, nella fase 2 1.200 e nella fase 2.000 kcal al giorno. Questo incremento graduale serve per dare una sferzata al metabolismo senza appesantirlo e gonfiarlo.

Inoltre, evitare il glutine per un certo periodo, per esempio 3 mesi, aiuta a depurare, sgonfiare e disintossicare l’organismo.

dieta-riso-schema

Dieta del riso: le 3 fasi

Fase 1:

Per il primo giorno della dieta bisogna mangiare a colazione, pranzo e cena due porzioni di alimenti amidacei e due di frutta. Quindi si al riso integrale bollito con un cucchiaio di olio extravergine di oliva e un frutto o una macedonia. Dal secondo al settimo giorno invece si devono integrare formaggi freschi come il primo sale, una ricotta o i fiocchi di latte e una porzione di frutta.

Fase 2:

 In questa fase è previsto sempre un giorno di dieta del riso base (frutta e cereali), seguito da cinque giorni di dieta del riso latto-vegetariana, per concludere poi la settimana con un giorno di dieta del riso vegetariana. Una volta a settimana si possono introdurre carne, formaggio o pesce magri. Nei successivi cinque giorni a colazione una porzione di alimenti amidacei, una di prodotti lattiero-caseari magri e una di frutta. A pranzo e cena: tre porzioni di alimenti amidacei, tre di verdure e una di frutta. L’ultimo giorno della settimana invece bisogna assumere: a colazione due porzioni di alimenti amidacei e una di frutta; a pranzo tre porzioni di alimenti amidacei, tre di verdure e una di frutta; a cena tre porzioni di alimenti amidacei, tre di proteine, tre di verdure e una di frutta.

Ti potrebbe interessare:  Dimagrire con lo zenzero di Okinawa

Fase 3:

La terza fase della dieta del riso è quella del mantenimento: aiuta a non compromettere gli sforzi fatti per perdere peso e a mantenere il corpo in salute e in forma.

Si inizia sempre il primo giorno con la dieta del riso base (colazione, pranzo e cena sempre con due porzioni di alimenti amidacei e due di frutta). Quattro giorni della settimana saranno invece di dieta del riso latto-vegetariana: colazione con una porzione di alimenti amidacei, una di prodotti lattiero-caseari magri e una di frutta, mentre a pranzo e cena bisogna mangiare tre porzioni di alimenti amidacei, tre di verdure e una di frutta. Per due giorni a settimana, infine, è prevista la dieta del riso vegetariana: colazione con due porzioni di alimenti amidacei e una di frutta; a pranzo tre porzioni di alimenti amidacei, tre di verdure e una di frutta; a cena tre porzioni di alimenti amidacei, tre di proteine, tre di verdure e una di frutta.

Dopo il primo mese si può tornare a seguire un’alimentazione sana e varia seguendo la piramide alimentare della dieta mediterranea.

Astrid Oriani

Ciao sono Astrid, Appassionata di cucina e di blogging. Ho iniziato scrivendo per il mio blog personale di cucina, poi mi sono appassionata alla scrittura ed ho intrapreso collaborazioni con molti siti web del settore.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *