Emoglobina glicata: cosa fare quando è troppo alta

Gli esami del sangue sono una finestra aperta sul nostro stato di salute. Effettuarli periodicamente è molto importante. In alcuni casi, può capitare di sentirsi consigliare dal medico il controllo dell’emoglobina glicata. Informarsi sulle caratteristiche di questo valore è molto utile. Ovviamente il principale punto di riferimento rimane il medico curante.

Le sue indicazioni, però, possono essere integrate con una guida per punti come quella che abbiamo preparato e che consente di far fronte, tramite rimedi naturali semplici e privi di effetti collaterali, al problema del troppo zucchero nel sangue.

Cosa è l’Emoglobina Glicata?

L’emoglobina glicata è un esame di laboratorio. Viene effettuato con lo scopo di individuare la quantità di glucosio presente nel sangue di una persona negli ultimi tre mesi.

Emoglobina glicata

Emoglobina glicata

Nello specifico, il test dell’emoglobina glicata misura fino a che punto il glucosio, uno zucchero fondamentale per dare energia all’organismo ma che deve mantenersi entro specifici livelli, si lega all’emoglobina.

Questa proteina ha un ruolo molto importante. Il suo compito, infatti, è quello di trasportare l’ossigeno nel sangue. Quando l’emoglobina si lega allo zucchero, si verifica un processo noto come glicosilazione.

L’esame dell’emoglobina glicata, meglio conosciuto come emoglobina A1c, ha quindi l’obiettivo di capire quanti atomi di glucosio si sono attaccati all’emoglobina nei globuli rossi. Diversi studi internazionali hanno dimostrato che, più bassi sono i valori di emoglobina glicata, migliore è la salute della singola persona.

Cause dell’emoglobina glicata alta

Ricordiamo innanzitutto che i valori normali dell’emoglobina glicata sono compresi tra il 4 e il 6%. Quando eccedono superando questo intervallo, alla base ci possono essere diverse cause. Nello specifico, se i valori superano il 6,5%, quasi sicuramente la persona che ha effettuato l’esame del sangue soffre di diabete.
Questa causa è senza dubbio molto importante. Dopo aver visionato i valori, è essenziale consultare il medico, ufficializzare la diagnosi e seguire tutte le sue indicazioni successive.

Esistono però anche altre cause dell’emoglobina glicata alta. Tra queste ricordiamo la bilirubina alta, l’eccessiva assunzione di farmaci oppiacei, l’alcolismo, l’insufficienza renale e le conseguenze dell’asportazione della milza.

Cosa fare

Se ci si accorge di avere l’emoglobina glicata alta, la prima cosa da fare è rivolgersi al proprio medico di fiducia. Quasi sicuramente, tra i consigli che darà ci sarà quello di migliorare lo stile di vita, eliminando  o moderando l’assunzione di alcol. Molto importante, come vedremo tra poco nel dettaglio, è il ruolo della dieta.

Dieta consigliata

La dieta consigliata in caso di emoglobina glicata alta è caratterizzata dalla presenza di alimenti a basso carico glicemico. Questo significa dare spazio a cibi come:

  • prugne,
  • pere,
  • yogurt,
  • pane e pasta integrale,
  • latte di soia,
  • fagioli bolliti,
  • mele,
  • lenticchie.

Se hai scoperto di avere l’emoglobina glicata alta e vuoi rimetterti in riga, puoi includere nella dieta anche il salmone, ottimo con i suoi grassi buoni omega 3, che fanno bene al cuore prevenendo anche la formazione di colesterolo cattivo. La dieta utile contro l’emoglobina glicata alta comprende anche le carni bianche. Ricche di proteine nobili e molto magre, aiutano a tenere sotto controllo la quantità di zucchero nel sangue.

Degno di citazione è anche il ruolo della curcuma. Questa spezia dei miracoli è stata oggetto di numerosi studi nel corso del tempo. Alcuni di questi hanno portato in primo piano il suo ruolo fondamentale nel contrasto agli eccessi di zucchero nel sangue.

Come assumerla? Le modalità possibili sono numerose e tra queste ricordiamo il decotto. Ecco cosa devi fare per prepararlo.

  • Metti sul fuoco un pentolino dell’acqua e attendi che raggiunga la temperatura di bollore.
  • Non appena ti accorgi che l’acqua inizia a bollire, versa un po’ di curcuma grattugiata fresca.
  • Lascia cuocere il tutto a fiamma bassa per circa quindici minuti. Filtra e dolficica a piacere, possibilmente con della stevia.

Cibi da evitare

Chiaramente, in caso di emoglobina glicata alta ci sono anche dei cibi da evitare o da consumare moderatamente. Quali di preciso? L’elenco è molto lungo e comprende il pane bianco, la pasta di grano duro, le patatine e qualsiasi altro alimento fritto, il mango, il kiwi, il pane di segale, i maccheroni e le carote.

Tra gli alimenti ad alto indice glicemico compaiono anche il riso arborio, le patate al forno, la zucca, i crackers, il melone e i pop corn, giusto per citare alcune tra le tantissime alternative.

Leave a Reply